Poesiola

È quasi sera
Blu er cielo
Blu er mare
Er sole è già niscosto
E lascia fare

St’azzurro imbraga tutto
Soffice e premuroso,
Er manto da a la luna
E all’omini er riposo

« O Angiolé! – je dico – Guarda vié a vede:
Nun se move na paja!
E che pace,
Aho! ‘N ce se crede…

A che ce serve d’esse ‘ncazzati, anziosi,
De agitasse a voto come matti furiosi
De cercà a luna là indove c’è er sole
E de sparà bestemmie solo perchè piove”

Me giro (fine dell’incanto)…
Quarcuno ha acceso er televisore
Ce so’ du furfanti conosciuti
Der gruppo “cia risemo”, du cornuti!

“Spegni Angiolé, te prego! – je faccio –
O sai que ‘sti politici, me stanno assai sur mazzo,
Chissà perchè, forse so’ strambo o pazzo.
Mo famme ‘sto regalo
Viette a guardà er tramonto,
Così, abbracciata a me,
fori dar monno.

Annunci

Er sorisetto

O sai?

Caronte vo’ ‘na monetina per pedaggio,12021195436_50c50afac6_z
E manco d’oro, ma solo luccicosa de sudore,
Tanto pe’ ripagatte der favore
de fatte traversá tranquillamente,
dopo ‘na vita de tribolazioni,
e giugne in quer paese,
dove che pare,
la gente è onesta e nun c’è so’ ladroni.
E poi, pe’ annà ‘n fonno ‘n fonno a ‘sto pensiero,
er cervelletto mio,
amico caro,
sta già seduto llì, su quella riva,
e guarda, stoico e divertito,
‘sta coda de papponi senza core,
convinti da fregà er traghettatore
Ma ce solo io, co’ quarche amico,
(Caronte quatto quatto è già partito)
Co’ sto pennello colore rosso impero
e ‘no striscione, l’urtimo, er più vero,
che nun c’è scritto gnente, proprio zero.
E aspetto,
senza stizza e nè dolore arcuno,
che se buttino a fiume, a uno a uno,
inzavorrati d’oro e de diamanti.
Belli e pesanti, certo, e co’ la panza piena,
ma già nun c’hanno più
quer sorrisetto tipico de iena.

Immagine in evidenza di Astuto Roedor

(Caronte –  Luca Giordano)
Seconda immagine di Lola Montiel
(“Perturba”- Monedas para Caronte…)

Un posticino in paradiso

So stato vagabondo
E anche dottore
E perché no,
pure commendatore

A vorte, era ‘na scarpa
E na ciavatta
A vorte, er doppio petto
e la cravatta

Se ppenso a ‘sto destino mio
Me dico
M’è annata pure bene
E cor soriso

Parlo a San Pietro mio
E lo invoco
De nun lasciamme
Arrosolà dar foco

Lo so che nun so’ stato
Assai preciso,
Ma famme un posticino
Accanto ar Paradiso.

Anche se er freddo de ‘sta tera
Nun c’ha pari,
Tanto t’agghiaccia
D’odio e indifferenza,

Der callo dell’inferno,
Abbi pazienza,
Me pare arto er prezzo,
San Pié, se poi:
Famo ‘na via de mezzo.IMG-20170306-WA0002