Un posticino in paradiso

So stato vagabondo
E anche dottore
E perché no,
pure commendatore

A vorte, era ‘na scarpa
E na ciavatta
A vorte, er doppio petto
e la cravatta

Se ppenso a ‘sto destino mio
Me dico
M’è annata pure bene
E cor soriso

Parlo a San Pietro mio
E lo invoco
De nun lasciamme
Arrosolà dar foco

Lo so che nun so’ stato
Assai preciso,
Ma famme un posticino
Accanto ar Paradiso.

Anche se er freddo de ‘sta tera
Nun c’ha pari,
Tanto t’agghiaccia
D’odio e indifferenza,

Der callo dell’inferno,
Abbi pazienza,
Me pare arto er prezzo,
San Pié, se poi:
Famo ‘na via de mezzo.IMG-20170306-WA0002